Foto Urban Trail Cagliari – 12 Ottobre 2013

[facebook]

Bella manifestazione e complimenti ai circa 600 partecipanti che hanno colorato, animato con le loro magliette fluorescenti e lampeggianti i quartieri storici della città di questo sabato 12 Ottobre.

7138841387_76489b299b

Ecco la Urban trail raccontata da Maurizio, amico e podista
7.4 km di tanta emozione e sofferenza.
Prima esperienza ad una corsa notturna e con tanta salita. Preparazione in quel di monte urpinu….monte si fa per dire. Arrivo alla partenza in via Baylle e già dal riscaldamento mi immergo nell’atmosfera del quartiere marina. Qualche sfotto tra amici mentre le luci basse e gialle delle stradine mi fanno dimenticare di essere nella città dove sono nato e cresciuto; sembra di essere in una grande città estera. Si accendono le luci da minatori mancati dei concorrenti; pochi secondi alla partenza. La prima salita verso piazzetta Savoia e l’applauso della folla presente mi mozzano il fiato e non per la stanchezza…..quella arriverà a breve.
Qualche falcata spavalda e si arriva in via Torino: l’hai voluta la salita e mò t’arrangi.
La prima discesa in via Garibaldi fa pensare: “vai che sto andando bene”. In via San Giacomo penso: “Mauri lah che c’è tutto il terrapieno….calmaisi”. Scalette di via Sulis: le prime di una lunga serie, le ultime fatte correndo. Inizia il terrapieno: testa bassa concentrato sul mio passo per non vedere tutti quelli che decidono, non so perchè, di ammirare il mio stile da davanti….

Qualche metro di pianura ai giardini pubblici e si arriva al primo muro della corsa; la rampa che dai giardini pubblici porta al buon cammino….non la conoscevo e non mi pento di non averla conosciuta prima. Altri scalini per attraversare la passeggiata alberata e ora la meritata discesa fino all’ospedale militare. Salutino a sant’effisi e qualche applauso da qualche spettatore che ci incita dicendoci “bravi bravi”: parole che emozionano e gratificano. Bambini del quartiere che ti chiedono il cinque e via verso i gradini che portano all’ex nuovo presidio ospedaliero fuori dalle mura della città. Qualche metro camminando ma solo per poter ammirare in pieno la bellezza del luogo……e di nuovo in marcia verso la ex piazza San Carlo. Arriva il momento clou per i veri runner ai quali ho tatticamente lasciato l’onore di precedermi….qualche esitazione tra ordinare un moyto e aspettare l’ascensore….alla fine opto per la breve scalinata cercando di non guardarne la fine come si fa per le vertigini ! Visioni mistiche all’arrivo al sovrastante parcheggio e tentativo di seguire l’inesorabile pendenza verso via Porcell….inevitabile la rinuncia alla corsa per rispetto delle mie ginocchia. Stentato arrivo alla porta Cristina, preludio per la parte, scenograficamente parlando, migliore del percorso. Riprendo a correre tra le stradine della parte più antica della città. La salita alla cattedrale suscita qualche irriferibile commento da parte dei compagni di fatica. Strepitoso passaggio nel museo a cielo aperto della via del Fossario. Rapido passaggio dalla terrazza del bastione San Remy e arrivo a quella del bastione Santa Croce dalla via San Giuseppe. La torre dell’Elefante e via università mi permettono di riprendere un ritmo decoroso, via Manno è l’ultima docile salita con il vicino premio degli ultimi metri di gara. Discesa ripida verso la chiesa di Sant’Eulalia e in via Sicilia realizzo che mi posso permettere addirittura un piccolo allungo prima di tagliare il traguardo in quel di via Baylle giusto in tempo per godere la gioia dei reciproci complimenti con chi ha corso come me ed il concordato arrivo di un vassoio di paste da parte di chi è voluto venire al mio arrivo.

La certezza delle emozioni che sempre la corsa regala mi fanno già pensare al prossimo impegno: 1 dicembre mezza maratona. Sempre di corsa sempre a CASTEDDU.

 

Foto Urban Trail a Cagliari