Il Quartiere Villanova

100_5356
Anche per quanto riguarda il rione Villanova le origini sono piuttosto incerte. Numerosi sono i ritrovamenti archeologici di varie epoche ma è stato comunque possibile stabilire l’ubicazione delle sue mura. Esse cingevano il quartiere lungo le direttrici di via S.Giovanni e Via Garibaldi interrompendosi a sud tramite la porta Villanova, situata all’imbocco della via Sulis, e a nord tramite la porta Cavana, situata all’incrocio della via S.Giovanni con la via S.Giacomo in corrispondenza della piccola chiesa di S.Cesello.

Se volete organizzare una Visita Guidata a Cagliari alla scoperta del quartiere Castello – CONTATTATECI !!

Era quindi questo l’antico confine del quartiere e della città stessa con tanto di limite doganale. Ulteriore interruzione delle mura, progressivamente demolite a partire dall’inizio del XVI sec. in seguito alla sopravvenuta mancata necessità di difesa del rione, era riscontrabile fino al 1963 nel portico Romero situato nella via Garibaldi e facente da collegamento con la via S.Domenico.
100_5283
La natura topografica del quartiere, ben visibile dalla passeggiata del cosiddetto Terrapieno, ha delineato lo sviluppo delle strade che lo compongono. A partire dalla via S.Giovanni e a scendere con la via Piccioni, Giardini, S.Giacomo e S.Domenico le vie del rione seguono l’andamento altimetrico del terreno a valle del castello. In questo contesto apparve quanto mai determinante per lo sviluppo di Villanova la sistemazione del già citato Terrapieno. Tale riassetto fu possibile essere realizzato solamente dopo la demolizione delle fortificazioni, destino comune questo con lo sviluppo degli altri quartieri storici della città. Due erano e sono i maggiori centri di aggregazione del quartiere: la piazza S.Giacomo e la piazza S.Domenico, quest’ultima ottimo esempio di coorte medievale con le facciate regolari delle palazzine che su di essa si affacciano. Di forma triangolare, al centro vi è anche possibile trovare la croce di epoca medioevale attestante la giurisdizione del quartiere. Specifica del rione è infine la natura delle costruzioni civili. Massiccia è infatti la presenza di case a schiera a due piani separati da una cornice, tipologia edilizia sicuramente adatta alla già citata natura orografica del terreno su cui nasce il rione.
veduta